the circle

The Circle – Stefan Haupt

Diretto e co-sceneggiato da Stefan Haupt, il film prende il nome dalla rivista underground e Club gay che ha reso Zurigo “swinging” molti anni prima di Londra. Fondato nei primi anni Quaranta, sopravvissuto al regime nazista, Il Circolo negli anni post guerra è stato l'unico luogo sicuro in Europa in cui si potessero esternare le proprie diversità sessuali.

Prima di tutto, The Circle è il racconto di una storia d'amore, quella tra Ernst Ostertag e Röbi Rapp, nata nel 1956 e riconosciuta legalmente con il matrimonio nel 2003. Ernst è un insegnante di letteratura francese, in lotta contro il sistema scolastico (propone Camus e De Beauvoir ai propri studenti suscitando l'ira dei suoi superiori) e gli schemi della società borghese a cui appartiene. Durante una festa segreta del “Circolo” (di cui è membro), un po’ ’come accade a Emil Jannings con Marlene Dietrich ne L0’angelo Azzurro, rimane fatalmente colpito da Röbi, una 18enne Drag Queen, fragile e bellissima. I due si innamoreranno uno dell'altro e così sarà per il resto della loro vita.

the circle

Le esperienze pregresse da documentarista di Stefan Haupt (da vedere l’0interessante Sagrada) sono più che evidenti. Infatti, il sanguigno racconto d0’amore e oppressione è frammentato da appassionanti interviste ad Ostertag e Rapp, ora una dolce coppia d0’anziani, e da numerosi filmati e foto d’archivio. I numerosi salti tra vero e drammatizzazione del vero creano un gioco cinematografico fresco e appassionante. Inoltre, tale ibrido narrativo è un modo rispettoso di misurarsi con i fatti storici invece di appropriarsene e lasciare la realtà nella polvere.

Nonostante la potenza dei fatti, le (numerose) scene drammatiche sembrano essere volutamente dirette con stile sommesso e quasi timido con episodi omoerotici filmati senza la voglia di fare scandalo o esaltare i corpi degli attori che le interpretano. È un film romantico e le dolci note della splendida colonna sonora di Federico Bettini lo ricordano spesso.

I limiti finanziari della produzione sono visibili su schermo: la (quasi) totale assenza di esterni, un apparato scenografico superficiale e riprese digitali con bassa risoluzione. Tuttavia la verità emotiva, la sincerità e l’0onestà di The Circle fa vergognare pellicole di gran lunga più famose e patinate, che hanno affrontato il tema dell'omosessualità (come i contemporanei A Single Man o The Imitation Game). Con passione e coraggio intellettuale, The Circle ci mostra come la minoranza è costretta a vivere se la maggioranza non vuole aprire gli occhi.