Amy-Adams-Nocturnal-Animals

Animali notturni – Tom Ford

L’’Arte Cinematografica si arricchisce, grazie a Animali notturni di un nuovo, entusiasmante, capitolo. Tom Ford presenta in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia un film da godere fotogramma per fotogramma, in grado di afferrare lo spettatore alla gola e di trascinarlo giù negli abissi, agli albori di ogni umano istinto e necessità.

Tratto dal romanzo Tony and Susan di Austin Wright, Animali notturni racconta la storia di Susan Morrow (Amy Adams), una gallerista borghese e insoddisfatta della vita, e del manoscritto a lei dedicato che il suo ex marito le fa recapitare poco prima della pubblicazione, intitolato per l’’appunto “Animali notturni”. Susan si abbandona alla lettura del romanzo, nel quale sono narrate le sventure di Tony Hastings (Jake Gyllenhaal) e il suo tentativo di sgomitare tra le lande deserte del Texas in nome della giustizia, con la complicità del detective Bobby Andes (Michael Shannon).

animali notturni poster

Nel racconto di Ford realtà ed evocazione si intersecano l’’un l’’altra, in un gioco di oscillazioni e coincidenze che giungono a dipingere la vita come un’’ineluttabile strada a senso unico. Il rimorso popola il presente con insistenza; a esso, pare, è possibile rivoltarsi soltanto facendo giustizia da sé, pena il rischio di vivere una condizione di perpetua infelicità. Il racconto nel racconto procede di pari passo con la vita e si pone l’’obiettivo di scavare all’’interno del significato più profondo di ogni necessità artistica: la letteratura, su tutte, è presentata come lo strumento più efficace per scampare all’’oblio e per dare così un senso anche a ciò che si è oramai perduto.

Michael-Shannon-Nocturnal-Animals

Pagina dopo pagina, istante dopo istante, si provano a riscrivere le regole della cinematografia, scampando a definizioni esistenti, sperimentando inedite possibilità di ritmo e di stile. Tom Ford propone un’’esperienza filmica totalizzante, il cui meccanismo a orologeria non può essere smontato perché non lascia spazio a nient’’altro se non a se stesso: come un’’opera d’arte dalla quale è necessario mantenersi a una determinata distanza, per non correre il rischio di farla cadere.

Amy-Adams-Nocturnal-Animals-2

Vengono in mente poco alla volta tutte le parole dei libri letti, i loro autori, le loro vite forse infelici e il desiderio di trovare nella letteratura il mezzo per rivendicare la propria esistenza. Sono loro gli animali notturni di cui il film narra le gesta: coloro che creano al buio, mettendo la propria esperienza a disposizione dell’’intera umanità. Tra costoro, è giusto dirlo, spicca anche Tom Ford, che è ormai un autore cinematografico a pieno titolo in grado di realizzare per la seconda volta un film rarissimo, destinato – si spera – all’’immortalità.