two-door-cinema-club-2012

Two Door Cinema Club @ sPAZIO 211

Tornati al locale, tempo di far due parole e prendere una birra che salgono sul palco questi 4 giovanissimi nord irlandesi. Saluti di rito e partono subito con “Come Back Home” che risulta subito piacevole dalle capacità vocali del cantate con un ritornello non fulmineo ma che sale per intensità e ballabilità. Il pubblico accorso non è tantissimo (visto che è anche un mercoledì) però partecipa e ciò non può che far solo piacere. Sale il ritmo di questo indie rock a tratti molto pop a tratti più elettronico. La chitarra di Sam Halliday incalza riff che si instaurano nella testa e non vanno via; ed è “Undercover Martyn” uno dei pezzi più belli del loro primo cd “ Tourist History”, dove la voce di Alex Trimble raggiunge apici estremamente pop ma di forte intensità come anche in “Do You Want It All?” dove il ritmo rimane un po’’ più tranquillo. “Something God Can Work” coi sui ritmi un po’ afro-beat è accolta molto bene dal pubblico essendo anche il primo singolo uscito per la famosa etichetta francese prettamente elettronica quale è Kitsunè. Si passa a “This is the Life” e “Kids” (non presente nei due precedenti Ep e nemmeno nel loro primo Lp) il tutto condito da un ottima base ritmica con al basso Kevin Baird e alla batteria un turnista che però viste le notevoli doti, sicuramente li accompagnerà per tutto il tour, anche nella vicina Francia a fare da spalla ai più esperti Phoenix.
Ecco finalmente “ I Can Talk” un altro dei pezzi più cantati dal pubblico, che rimane appiccicato in testa appena lo si sente con coretto iniziale a scandirne l’andamento veloce che lo contraddistingue. Ancora “What You Know”, “You’’re Not Stubborn”, “Eat That You Up It’s Good For You” ed in chiusura il pezzo di apertura del loro Lp: “Cigarettes in the Theatre”. Molti loro pezzi risultano arricchiti dalle tastiere suonate sia dal cantante e che dal bassista e da qualche effetto di base, ma ciò non va a discapito della qualità che questi giovani ragazzi hanno trasmesso in un’’esibizione che ha soddisfatto pienamente le aspettative anche dei più diffidenti. Finito il live riusciamo anche a far due parole con Sam e Kev che sembrano molto disponibili e ci raccontano che il giorno dopo devono essere a Calais (Francia) per poi continuare il loro tour nel Regno Unito; subito dopo ci salutano e tornano ad aiutare gli altri per smontare e caricare gli strumenti.

La cosa che ha più colpito del live è stata soprattutto la fedeltà dei pezzi rispetto alle tracce ascoltate, che spesso viene a mancare quando si fa uso di basi elettroniche e soprattutto del non aver mai avuto un batterista nella band ma solo un “portatile”. Ne sentiremo parlare sicuramente di questi baldi nord irlandesi, viste le qualità indiscusse e anche perché saranno in giro per tutta l’estate nei maggiori festival musicali d’Europa per promuovere la loro primo Lp.

Set list:

Come Back Home
Undercover Martyn
Do You Want It All?
Something Good Can Work
This Is The Life
Kids
I Can Talk
What You Know
You’re Not Stubborn
Eat That Up It’s Good For You
Cigarettes In The Theatre

http://twodoorcinemaclub.com