1200px-Noel_Gallagher's_High_Flying_Birds_@_Mexico_City,_April_10th,_2012

Noel Gallagher’’s High Flying Birds

28 agosto 2009 – Parigi, V Festival: burn out degli Oasis: Noel Gallagher lascia il gruppo e quello che sarebbe stato il terzultimo concerto del tour in programma.
6 luglio 2011 – Londra, Notting Hill: conferenza stampa di Noel Gallagher.

Un anno, 10 mesi e nove giorni, tanto è passato. Apparentemente freddi numeri scritti dopo un folle countdown di cui non si conosceva il termine ultimo. In realtà, sono due date che uno che ha amato visceralmente gli Oasis difficilmente dimenticherà o che per lo meno sanno dirgli molto. Quello che è successo a Parigi più o meno lo sanno tutti, ennesimo litigo e tutto si dissolve come una prugna lanciata su un muro di un camerino del V Festival. Quello che magari i più non sanno è che Noel nell’ultima conferenza stampa (vedi video in fondo) ha annunciato che è pronto il suo disco come solista.

In realtà qualcuno aveva già percepito forte fermento nell'aria e le conferme erano giunte più che mai esplicite dopo che un fan aveva visto Noel in giro per L.A., il quale aveva risposto che si trovava in città per ultimare i dettagli dei suoi nuovi pezzi. Apriti o cielo! E tutta questa frenesia della notizia ufficiosa è durata finché l’entourage del cantante ha diramato l'ufficialità della conferenza stampa.

Le domande a Noel in questa occasione si sono soffermate su diversi argomenti, passando sia dal nuovo album, le influenze che lo hanno caratterizzato, alle date importanti da tenersi in agenda per l’uscita di album e singolo e il tour che ne seguirà (il singolo uscirà il 21 agosto, ma già dal 25 luglio passa nelle radio inglesi, l’album sarà in vendita a partire dal 17 ottobre con possibili variazioni da Nazione a Nazione). Ovviamente hanno avuto spazio anche le domande sullo scioglimento degli Oasis e qui Noel ha fornito in modo tranquillo e calmo la sua versione dei fatti, lasciandosi scappare anche qualche momento humor.

Questo singolo The Death Of You And Me sembra rispecchiare quanto detto da Noel durante l'intervista riguardo all’album; ovvero che non sarà un disco da “Guitar Hero” pieno di assoli di chitarra, ma in cui il primo solo si sentirà dalla traccia 6. Il pezzo ricorda molto le ultime apparizioni live di Noel in acustico in cui riproponeva i “suoi” pezzi degli anni d’oro rivisti a volte con grande estro, come quando è stato accompagnato da un’orchestra alla Royal Albert Hall in occasione del TCT.

Il pezzo non impiega molto tempo a penetrare la parete cerebrale e a trovare posto in quell'angolo di cervello che ci fa ricordare le canzoni non perché se ne conosce testo o autore, ma solo per la loro melodia orecchiabile. Poi decidi di prenderti la briga di leggere il testo e capisci che la poesia che “Natalino” sapeva magistralmente incastonare in 4 accordi di chitarra non è svanita e scopri di avere davanti versi che ancora una volta riescono a trasmettere delle emozioni, che non sono univoche per tutti gli ascoltatori.

A proposito delle “sue” canzoni che hanno fatto scalare le classifiche agli Oasis, Noel è stato esplicito come mai ci si sarebbe potuto aspettare, e la cosa più corretta che si può fare è citare testualmente le sue parole: ”Non farei mai un concerto senza suonarle. Per me sono come la droga”.

Ha parlato anche molto chiaramente del tour legato a questo album. Non sarà fatto con l'intenzione di riempire gli stadi, ma si fermerà in palazzetti o simili, per vedere le risposte dal pubblico e se saranno positive non si esclude qualcosa più in grande. Durante la conferenza stampa è stata comunicata anche la data di avvio, che sarà il 23 ottobre e probabilmente si partirà da Dublino, per passare da Manchester, Londra, Glasgow e voci di corridoio dicono che potrebbe essere in Italia attorno alla fine di Ottobre, ma ancora non si è certi sulla città ospitante.

Ben tornato Noel! Non vedevo l’ora!