PSU1294482536PS4d283c6844e00

Il momento di crisi della fiction italiana

Fallisce anche il secondo tentativo di Mediaset di realizzare una serie televisiva da un pilota andato bene nel 2009. Il primo esperimento è stato quello del film TV “Due mamme di troppo” trasmesso in prima serata lo scorso gennaio e andato molto bene (22,41% di share), poi riproposto da venerdì 26 novembre su canale 5 come serie televisiva a più puntate, ma definitivamente cancellato dopo la seconda puntata, causa uno share troppo basso (11,65%). La serie televisiva “Al di là del lago” , trasmessa come film TV il 22 aprile 2009 per uno share del 22,96%, ha avuto il suo esordio il 30 dicembre su Canale 5 ottenendo un punteggio share di 18,73%; la seconda e terza puntata sono invece andate in onda il 4 gennaio con uno share del 18,09%, la quarta e la quinta il 6 gennaio ed uno share ancora in ribasso: 12,57 %. Mancano ancora la sesta e la settima puntata che andranno in onda il 13 gennaio, ma il risultato complessivo si dimostra comunque sotto le aspettative per il prime time di una rete ammiraglia.
Perché?

La teoria è indubbiamente corretta. Testare un pilota televisivo (definito film TV in questo caso) direttamente col pubblico di riferimento, per poi creare l’eventuale serie televisiva. Come fanno gli americani (sebbene con modalità differenti).

Nel caso della serie “Due mamme di troppo” ha probabilmente influito il fatto di essere stata collocata il venerdì, serata in cui è Carlo Conti con “I migliore anni” a fare da padrone (solo i “Cesaroni” sono riusciti ad essere competitivi). Per “Al di là del lago” la messa in onda durante il periodo delle festività non ha giovato. Ma è necessario anche fare una breve analisi di quanto creato dal pilota. Forse la forza delle due storie si esauriva in una sola puntata e non aveva il potenziale per reggere più puntate. Se per “Due mamme di troppo” il cast non ha senza dubbio deluso le aspettative, l’evoluzione della trama invece si è dimostrata solo un annacquamento di quanto già visto nel film TV, stessa sorte per “Al di là del lago” che tra i maggiori pregi aveva la location, ma non una storia particolarmente originale.

Va comunque riconosciuto a Mediaset l’audacia di aver tentato un approccio differente alla fiction. Ma se dopo i flop de “Le due facce dell’amore” e “Due mamme di troppo” ha deciso di bloccare, per ora, la messa in onda di “Angeli e diamanti” (co-produzione con Porto Rico), ora, dopo il fallimento di “Al di là del lago”, cosa accadrà?