PSC1360776872PS511bcea874440

Quella solitudine immensa d’amarti solo io – Paolo Pizzato

Paolo Pizzato ha 43 anni, lavora come giornalista e fin da giovanissimo è stato attratto dai libri. Il primissimo ricordo connesso alla lettura, e alla letteratura, è legato a un libro di avventure di Arsen’ev, Dersu Uzala, il piccolo uomo delle grandi pianure; lo leggeva la sera prima di addormentarsi.
Ha appena pubblicato il suo primo romanzo in forma di ebook, come racconta nell’intervista, che anticipa la presentazione di Milano, venerdì 15 febbraio.

Racconto del passaggio da lettore a scrittore.

Non è stato qualcosa di meditato, è accaduto spontaneamente. La cosa è partita da sé una volta finita l’università. Così sono nati dei racconti, questo romanzo, e un altro che sto scrivendo. A proposito di Quella solitudine immensa d’amarti solo io, desidero ringraziare Emanuele Pettener e Marco Crestani, fondatori della nuova realtà culturale Priamo (www.priamoedit.it), che hanno creduto nel mio lavoro e deciso di pubblicarlo.

Le preferenze letterarie e perché; le influenze nella scrittura (se ci sono).

Da lettore onnivoro ho naturalmente più di un autore cui sono debitore. Elencarli tutti è impossibile, perciò mi limito a quelli che considero più importanti. Céline soprattutto, che ha reinventato il romanzo novecentesco, poi DeLillo, Willam Gaddis, Thomas Pynchon, Cormac McCarthy, e ancora Isaac Singer, Edith Wharton, Saul Bellow, John Steinbeck, Dostoevskij, Tolstoj, Bulgakov, Nabokov. Tra gli italiani sicuramente Sciascia. Ognuno di loro mi ha influenzato e mi influenza, se non altro perché alimenta il mio amore per la parola scritta.

Il progetto de Il consigliere letterario.

Il blog (http://ilconsigliereletterario.blogspot.it) è nato un anno fa. Esattamente il 13 febbraio 2012. Ho deciso di condividere la mia passione e di dare vita, dapprima sul web poi, se l’iniziativa avesse avuto successo, anche concretamente, a uno spazio di incontro e confronto sui libri. L’idea era quella di creare una sorta di “libreria” in cui i libri non solo si acquistassero ma nella quale ci si potesse fermare a discutere dell’ultimo autore letto, a chiedere un consiglio o a offrire un suggerimento. Da qualche mese, grazie a Leonardo Romani, uno dei responsabili della Libreria “Le Querce” di Lido degli Estensi, Il consigliere letterario ha un suo spazio reale (un angolo con una cinquina di titoli e relative recensioni, che cambiano ogni quindi giorni), e una pagina Facebook di riferimento (My Personal Book Shopper) aperta a ogni contributo. E altre iniziative sono allo studio.

La pubblicazione: dalla scrittura all’editore, storia di un processo lungo e non scontato.

La mia storia di scrittore in cerca di pubblicazione non è diversa da quella di migliaia di altri. Tanti rifiuti e qualche proposta non certo limpida. Poi l’incontro con Marco Crestani ed Emanuele Pettener, la coraggiosa scommessa di Priamo e la nascita dell’ebook (che Piramo ha pubblicato con Meligrana Editore). Posso dirmi fortunato.

L’aspettativa da questa pubblicazione e anticipazioni su scritture e progetti editoriali prossimi.

Se il libro piacesse ai lettori quanto è piaciuto agli editori sarebbe già un bel traguardo, e qui mi fermo per scaramanzia. Quanto ai nuovi progetti, spero di finire il nuovo libro entro l’estate, poi si vedrà. Certo, se lo vorranno, i primi cui lo proporrò saranno proprio gli amici di Priamo.

info presentazione:
venerdì 15 febbraio – ore 18
c/o DRESSEBOOK, via Giovanni da Milano n.4