PSM1347787860PS50559c5413772

Il Trono di Spade

Nonostante il clima sia ancora mite, l’inverno sta arrivando. Quella che può sembrare una frase fatta per lamentarsi della scomparsa delle mezze stagioni è, in realtà, il titolo del primo episodio de Il Trono di Spade, la fortunatissima serie HBO tratta dalla saga Cronache del ghiaccio e del fuoco di George R.R. Martin. L’estremamente proficuo scrittore ha posto infatti la propria firma per partecipare all’adattamento televisivo della sua celebre opera, tuttora inconclusa nonostante i cinque tomi pubblicati, diventati dodici nell’edizione italiana.

Dalla collaborazione dello scrittore con gli autori David Benioff (X-Men le origini – Wolverine, La 25esima ora) e D.B. Weiss sono così nate due serie da dieci puntate, che racchiudono i primi libri della saga e che, con un’abile operazione di taglio e cucito, non fanno sentire particolarmente il passaggio dalla versione cartacea a quella televisiva. Di stampo epico e fantasy, con non pochi episodi di sesso e di violenza, la storia che viene narrata è quella di un regno in subbuglio, nel quale svariati pretendenti si contendono il famoso “Trono di Spade”, simbolo di un potere quanto mai pericoloso e decisamente effimero. Al di là del mare, i legittimi eredi al trono cercano di poter ritornare in patria, dopo una vita trascorsa a fuggire dai sicari inviati dal nuovo sovrano reggente. Oltre la Barriera, l’imponente muraglia che separa il mondo civilizzato dalla terra dei bruti, forze oscure sembrano essere in movimento, noncuranti dei Guardiani che, da sempre, sorvegliano i confini.

Acclamata come una delle migliori serie televisive di sempre, Il Trono di Spade ha riscosso immediatamente un notevole successo, grazie alla fama della saga da cui è tratta e al ricco cast, formato da volti più o meno noti del grande e piccolo schermo: accanto a Sean Bean, Boromir ne Il Signore degli Anelli e qui Lord Ned Stark di Grande Inverno, troviamo ad esempio, nei panni della perfida Cersei, Lena Headey, che molti ricorderanno come la regina Gorgo in 300. Girata tra l’Irlanda del Nord, la Scozia, il Marocco e Malta, la serie riesce, grazie all’ottimo lavoro dei registi e al supporto del digitale, a rievocare alla perfezione i paesaggi descritti da Martin, coinvolgendo ancora di più lo spettatore, già travolto nelle lotte per il trono dal ritmo veloce della narrazione. Particolarmente gradevole nella versione originale ma purtroppo persa per cause di forza maggiore nel doppiaggio è la caratterizzazione data dai diversi accenti inglesi alle parlate delle numerose famiglie.

La terza serie prenderà il via il 31 marzo negli Stati Uniti per arrivare in Italia nella primavera del 2013, mentre la HBO già progetta nuove stagioni: pare infatti che l’emittente televisiva abbia proposto di produrre fino a quando la penna instancabile di Martin non avrà finito di scrivere la storia del Trono di Spade.