New York, I love you Se vi dico New York a cosa pensate? A Time Square, a Wall Street, alla statua della Libertà, ai grattaceli, a Manhattan, alle scale antincendio da dove scappano i personaggi dei film, ad Harlem, ai campetti underground di cemento dove si gioca a B-Ball, alla tecnologia, ai chioschi di hot dog, agli yellow cab, agli Strokes...e a centinaia di altre cose.
Perchè la grande mela è questo, è tutto.
C'è tutto.

Quattro anni fa ventidue registi ci hanno accompagnato per le vie di tutti i quartieri della capitale francese mostrandoci tutte le sfaccettatture dell'amore e della città stessa. Nel 2009 undici registi (diversi) ci riprovano cambiando location: New york! Anche in questo caso la pellicola è composta da diversi cortometraggi con diversi registi e diversi interpreti ma il filo conduttore rimane lo stesso: ah l'amour! Anche se, ad essere proprio pignoli, non si parla solo di amore ma di tutti i sentimenti, di tutte le situazioni, di tutti gli scenari, di tutti i personaggi che ruotano intorno ad esso. Un ladro può parlare d'amore? Certo. Un taxi? Naturalmente. Una sigaretta? Perchè no.

Naturalmente anche qui troviamo un cast d'eccezione composto da attori affermati e giovani promesse: Bradley Cooper, Hayden Christensen, Rachel Bilson, Andy Garcia, Natalie Portman (con annesso esordio alla regia), Shia LeBeuf, Orlando Bloom, Christina Ricci, Julie Christie, Maggie Q, Ethan Hawke e molti altri. Tutti bravissimi e capaci di farci assaporare atmosfere e situazioni che non avremmo mai pensato di poter associare a quella grande, brulicante di gente, chiassosa città che è New York; perché una città così non va scoperta tutta d’un fiato, ma a piccole dosi (o cortometraggi), pian piano, per poterne assaporare tutti i rumori, tutti gli angoli, tutte le emozioni e scoprire che, in fondo, non sono così diverse da quelle della vita di ognuno di noi.

Come già successo con il precedente” Paris, Je t’aime”, nemmeno questa pellicola è stata (ancora?) distribuita in Italia quindi potrete godervela in lingua originale sottotitolata in italiano.

Buona visione!


Michele Puleio